I piccoli musei

Domenica scorsa era la giornata nazionale dei piccoli musei. Nelle Marche hanno aderito all’iniziativa solo tre musei, uno dei quali è il MUSEO INTERNAZIONALE DEL CAPPELLO DI MONTAPPONE.
Amando il mare, la spiaggia, ma non durante il fine settimana ho “costretto” i miei ad andarci.
Avevamo il museo tutto per noi, il signore che ci ha accolti e spiegato la storia di questa antica arte artigianale è stato molto gentile, spiegava in maniera seria e dettagliata ogni singolo pezzo di storia presente nel museo.
Vedendoci interessati ci fece vedere un’intervista fatta da una emittente televisiva nazionale fatta negli anni ’70, dovvero originale, dove lì si intravvede la ricchezza e la voglia di tramandare il mestiere che tanto sta dando al paese.
Le artigiane che intrecciavano la paglia, si chiama la iervicella, lo facevano con naturale semplicità senza neanche guardare tutto il tempo come e cosa stessero intrecciando talmente erano abituate a farlo.
Passate le varie foto di rito ci hanno invitato ad andare nel paese a fianco, Massa Fermana, dove c’è il museo degli antichi mestieri della collezione di Bruno Rastelli.
Incuriositi, siamo subito partiti.
Appena arrivati Bruno ch ha accolto facendoci vedere il borgo, successivamente ci ha aperto le porte del museo.
Li è stato lo stupore che ha preso il sopravvento, ogni volta era un “wow”, “che meraviglia”, “stupendo”.
Bruno ci raccontava ogni piccolo dettaglio di queste bici; c’era la bici dell’arrotino, di chi portava il latte, di chi portava il pane, il sarto, il prete ecc… insomma saranno state più di sessanta pezzi da collezione.
Mano a mano che i minuti, le ore passavano Bruno non si stancava mai di raccontarci la sua passione, le due ruote, e il mestiere che faceva con il padre, il calzolaio.
Bruno a 80 anni e non li dimostra neanche.
Non proseguirò cperché voglio incoraggiarvi ad andarli a vedere almeno una volta o magari fare il passaparola, perché meritano più di una giornata di mare assiepati nella spiaggia vicini vicini.
Voglio invece ringraziare chi mette questa passione per non far tramontare le nostre tradizioni artigianali cercando di trasmetterle a chi visita per la prima volta questi posti e ti saluta con uno splendido sorriso ringraziandoti immensamente.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>