A proposito di…

Riprendiamo un racconto di Vincenzo Varagona…. Buona lettura.

Questa è la storia di Gabriella Turchetti, farmacista a Castelfidardo ma originaria di San Martino, piccolo borgo di Fiastra , uno dei tanti comuni sconvolti dal sisma del 2016 e dove viveva la mamma all’epoca 94enne. La sera del 24 agosto, racconta, mi sono precipitata a recuperarla, così evitando che assistesse allo sbriciolamento della sua casa, il 30 ottobre.
“Mia madre è rimasta con me per 5 mesi ed altri 2 con mia sorella ma lei voleva tornare al suo paese. Abbiamo cercato di sistemare la casa, impossibile. Abbiamo avviato le pratiche in autonomia per la casetta di legno, ma la burocrazia è davvero impossibile. Tutto a posto ma non si riusciva a perfezionare la procedura, anche perché siamo in zona parco. Mamma però aveva un dolore struggente e contro il nostro parere e andata ad abitare in un container. Ma l’estate é stata terribile e non si poteva lasciarla lì. Avevamo un pezzetto di terra edificabile, ma la burocrazia era impossibile. Il sindaco, che comprendeva il nostro dramma, ci ha confidenzialmente incoraggiato a procedere avviando le pratiche necessarie. Prendiamo la casa, la sistemiamo… mamma ricomincia a vivere nel suo paese, ed ecco… arriva la finanza. Controllo, sequestro… abbiamo saputo che a fronte di altre analoghe situazioni, gli agenti sono intervenuti dopo una denuncia. Con il cuore in mano: cosa dobbiamo fare per evitare che nostra madre si spenga …?”

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>